Ricerca contenuti

Documenti Documenti

  • Normative e Regolamenti
  • Deliberazioni della Giunta Regionale
  • Determinazioni dirigenziali
  • Modulistica
  • Atti pubblici
  • Elenco Regionale dei Medici Certificatori di Medicina dello Sport

APPROFONDIMENTI APPROFONDIMENTI

  • Pubblicazioni
  • Comunicati stampa
  • News
  • Link utili
  • Faq

Censimento Impianti Censimento Impianti

  • Accreditamento Province e Comuni
  • Accreditamento Associazioni

IMPIANTISTICA IMPIANTISTICA

  • Impianti
  • Programmazione
  • Progettazione
  • Gestione
  • Procedure S.I.S. CONI

SPORT E SALUTE SPORT E SALUTE

  • Sport e salute
  • Certificati
  • Sport X Sport
  • Alimentazione
  • Doping
  • Assistenza gare
  • Norme
  • Glossario
Servizio Sport per tutti risponde

ASPETTI DEONTOLOGICI E LEGALI ASPETTI DEONTOLOGICI E LEGALI

Aspetti deontologici e legali - La Federazione Medico Sportiva Italiana F.M.S.I. - Il Comitato Regionale Puglia della F.M.S.I.

 

La Deontologia, espressione etica in cui, nei propri atti, il dovere prevale sul diritto e tornaconto, pone al medico la responsabilità del suo comportamento sulla base dei principi che guidano la sua condotta e le sue scelte, esaminando razionalmente la validità morale delle proprie azioni (etica) che saranno in relazione con il diritto alla salute del paziente.

L'art. 90 del Codice di deontologia medica prescrive che la valutazione dell'idoneità alla pratica degli sport deve essere ispirata ad esclusivi criteri di tutela della salute e di integrità fisica soggetto; il medico esprime il relativo giudizio con assoluta obiettività e massima chiarezza nell'osservanza dei protocolli previsti dalla normativa vigente.

Conseguentemente coloro che possono avere compiti professionali sanitari, sia a livello di Società sportive che a livello di Federazioni, saranno tenuti alla sorveglianza medica degli effetti dei metodi di allenamento, che debbono mantenersi entro i limiti fisiologici, nonché alla vigilanza nella conduzione delle gare, in ogni caso intervenendo, sulla base dei soli criteri medici, quando la salute dell'atleta può risultarne compromessa (art. 91 del Codice citato).

E' appena il caso di ricordare che il medico non può in alcun caso consigliare e/o prescrivere trattamenti doping o di qualsiasi altra natura che possano influenzare artificialmente le prestazioni dell'atleta, soprattutto se essi possono comportare modificazioni del naturale equilibrio psicofisico del soggetto (art. 92). La specifica materia è inoltre regolata da norme sportive e da apposite Leggi.

Sempre in base al predetto art. 92, va ricordato infine che il medico dello sport è comunque deontologicamente tenuto a comunicare eventuali terapie al medico curante. Le norme relative agli accertamenti di idoneità alla pratica sportiva comportano la attestazione da parte del medico delle condizioni del soggetto interessato ed in base alla regolamentazione vigente è noto che il medico, attraverso il certificato, deve dichiarare con chiarezza e veridicità solo quanto constatato per diretta cognizione.

Il medico certificatore - in questo caso - può essere considerato persona esercitante un servizio di pubblica utilità o necessità, per cui l'attestazione di fatti non veri comporta il reato di falsità ideologica (art. 481 Codice penale). In ambito sportivo, inoltre, il comportamento tenuto dal medico ufficiale di una manifestazione sportiva, ovvero addetto all'assistenza sanitaria richiesta in una struttura sportiva, o incaricato di servizio medico-sportivo, può configurare responsabilità o corresponsabilità in caso di evento dannoso se viene documentata l'omissione - totale o parziale - da parte del medico stesso dei necessari atti professionali dettati dalle regole di prudenza, scienza e conoscenza sopra citate. Deve naturalmente esservi un plausibile rapporto di causalità fra il comportamento del medico e l'evento verificatosi.

La Legge 675 del 31.12.96 ha lo scopo di tutelare la riservatezza e la dignità personali, e il più recente D.l.vo 20.07.99 n. 282 reca le disposizioni per garantire la riservatezza dei dati personali in ambito sanitario. In particolare, il trattamento dei dati sensibili, come la salute e la vita sessuale, si svolge nel pieno rispetto dei diritti, della libertà e della dignità della persona, che va informata sulle finalità, modalità e destinazione del trattamento, sull'obbligatorietà o meno del conferimento e sulle conseguenze di un eventuale rifiuto.

Indietro

Contributi economici Contributi economici

  • Scheda di iscrizione
  • Presentazione delle domande
  • Richiedi info
  • Elenco soggetti iscritti
  • Localizzazione soggetti iscritti

BANDI E AVVISI BANDI E AVVISI

  • Bandi e Avvisi aperti
  • Archivio bandi
  • Programma Triennale 2016-2018
  • Programma Triennale 2013-2015

GALLERY GALLERY

  • PugliaSportiva Photogallery
  • Video news

Calendario

novembre 2017
L M M G V S D
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 1 2 3
  Oggi
  Evento